Cagliari Genoa

Cagliari-Genoa 1-0: Farias fa felice Maran, i sardi ritrovano la vittoria

 Li porta in paradiso un colpo del Mago di Sorocaba Diego Farias, uno che spesso litiga con gol e pallone, ma che, come tutti i maghi, è capace di colpi di genio. Il Cagliari non poteva perderla, qualche tensione cominciava ad affiorare. Il Genoa voleva bissare la bella prova di sabato con l’Atalanta, ci riesce in parte, perché nel calcio vice chi la butta dentro e, pur con grandi interventi di Cragno, i genoani non riescono a centrare il bersaglio. Il clima iniziale in una splendida giornata di sole è di festa: Luna Melis, la giovane cantante di Uta protagonista a X Factor in mezzo al campo a salutare i sardi, la più bella lettera di Babbo Natale premiata, la maglia speciale da vendere per Charity Stars, l’ex storico difensore Oreste Lamagni in tribuna con gli altri storici rossoblù. Lo stadio è quasi pieno.PRIMO TEMPO — Maran rivoluziona un bel po’ la squadra rispetto alla disastrosa prova di Roma con la Lazio. Srna e Ceppitelli tornano ai loro posti dopo la squalifica. Pisacane vince il ballottaggio con Romagna. Pavoletti ha recuperato dai risentimenti varie ed è al suo posto di centravanti con Farias accanto; per tre partite il livornese è mancato e parecchio. Il cambio sostanziale è in regia dove torna Cigarini al posto del croato Bradaric. Non accadeva dalla sfida interna col Torino. Rifiata anche Ionita, la mezzala destra è Faragò. Ma il moldavo deve andare a scaldarsi immediatamente perché Romero ripete la scena fatta con De Roon sabato scorso e con un’entrataccia (punita col giallo da Orsato) manda fuori causa Joao Pedro che dopo 15′ deve uscire. Prandelli manda in campo gli stessi che hanno chiuso la sfida vincente con l’Atalanta (il suo primo successo al Genoa, dopo un pari con la Spal e la sconfitta con la Roma). Quindi Kouame (che poteva finire al Cagliari prima che arrivasse Cerri) sta in panchina e Bessa agisce dietro Piatek, in una sorta di 3-5-1-1. La gara è equilibrata, il Genoa accelera di più, ma Cragno respinge bene solo una volta quando Piatek in black door fulmina Ceppitelli e tira. Il Cagliari ha la sua occasione con Barella lanciato splendidamente da Cigarini, tira a giro Radu manda in angolo. C’è equilibrio totale, ma nello sprint finale con 3′ di recupero è il Cagliari che ha l’acuto vincente. Srna crossa, Ionita fa velo, la palla arriva a Farias che colpisce in modo non irresistibile, ma il pallone rimbalza in modo tale che Radu non riesce a intervenire e il brasiliano toglie la maglia pazzo di gioia per il secondo gol in campionato. Uno a zero con tripudio rossoblù, in vantaggio, cosa che non accadeva, anche questa dalla sfida col Chievo del 28 ottobre.SECONDO TEMPO — Prandelli tornato furioso negli spogliatoi, riparte con Kouame accanto a Piatek. Sandro, lento e compassato, finisce la sua gara. Così, Bessa ha maggior raggio d’azione e, servito da Lazovic, va vicinissimo al pareggio con un tiro che va fuori di un soffio. Poi è Cragno a opporsi a Lazovic. È un Genoa più carico, offensivo, deciso a rimettere le cose a posto. Ma due minuti dopo, su una combinazione Faragò-Barella è Pavoletti che divora il 2-0 calciando alto. Salta tutto: sul ribaltamento è Kouame che fa esaltare ancora Cragno, in angolo. Prandelli decide di rischiare tutto: dentro pure Favilli per il difensore Romero. E cambia sistema con la difesa a quattro e Lazovic terzino (molto di spinta). Un 4-3-3 con Piatek supportato da Favilli e Kouame. Ma è il Cagliari a mancare ancora il raddoppio su corner di Srna (inesauribile tra cross e corner) la palla arriva fuori area a Barella (grande prova), ma il suo tiro si stampa sul palo. Maran decide di cambiare: fuori il mago Farias che non la prende benissimo, dentro Sau per correre e tamponare. Alla fine ha ragione lui. Il Cagliari soffre fino alla fine, ma resiste e torna alla indispensabile vittoria. E va la musica di Mariah Carey. È Natale

Farias esulta

Cagliari-Genoa, tabellino e pagelle

MARCATORI: 45’+3′ Farias (C)

CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno 6.5; Srna 5.5, Pisacane 7.5, Ceppitelli 6.5, Padoin 6.5; Faragò 6, Cigarini 5 (dall’87’ Bradaric sv), Barella 7; Joao Pedro sv (dal 15′ Ionita 6.5); Pavoletti 6.5, Farias 6 (dal 73′ Sau 6).
A disposizione: Aresti, Daga, Rafael, Andreolli, Pajac, Romagna, Dessena, Lella, Cerri.
Allenatore: Rolando Maran 6.5

Genoa (3-5-2): Radu 5; Biraschi 5.5, Romero 5.5 (dal 66′ Favilli 5), Criscito 5.5; Pereira 5.5, Hiljermark 5.5 (dal 78′ Veloso sv), Sandro 5 (dal 45′ Kouamè 6), Rolon 5.5, Lazovic 6.5; Bessa 5; Piatek 5.
A disposizione: Marchetti, Vodisek, Lisandro Lopez, Romulo, Pandev, Dalmonte, Omeonga, Zukanovic.
Allenatore
: Cesare Prandelli 5

ARBITRO: Orsato di Schio

NOTE: ammoniti Romero (G), Rolon (G), Farias (C), Faragò (C), Cigarini (C), Piatek (G)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *